“JHTML::_('behavior.mootools')” Skip to content

Narrow screen resolution Wide screen resolution Auto adjust screen size Increase font size Decrease font size Default font size default color brick color green color
Adesso siete qui:Home arrow Armadi liquidi infiammabili

ARMADI PER LIQUIDI INFIAMMABILI
E SOSTANZE PERICOLOSE

armadio liquidi e solidi infiammabili



Dove immagazzinarli?

  1. le scorte dovrebbero essere immagazzinate in locali separati, meglio se esterni, adeguatamente compartimentati, dotati di dispositivi automatici antincendio e di adeguata areazione (finestre, sistemi di ventilazione forzata); ai piani si possono prevedere locali separati dai laboratori (reagentari) ove conservare i prodotti necessari durante la settimana lavorativa.
  2. in laboratorio possono essere disposti prodotti nelle quantità strettamente necessarie alle sperimentazioni in corso, all’interno di armadi chiusi, preferibilmente di sicurezza.

Gli armadi devono essere posizionati lontano da corridoi, da aree di lavoro, dagli accessi al laboratorio o al locale, da uscite di sicurezza, da fiamme libere (bunsen, stufe, ecc.) e non dovrebbero ostacolare il raggiungimento di dispositivi di emergenza (estintori, cassetta del pronto soccorso, doccette lavaocchi, ecc.). Gli armadi aspirati, in particolare, devono essere posizionati in modo tale che sia possibile il convogliamento del flusso d’aria in espulsione verso l’esterno (possono essere collegati per esempio al sistema di aspirazione delle cappe chimiche del laboratorio).

Presso ogni magazzino o reagentario dovrebbe essere disponibile il materiale per l’assorbimento e la neutralizzazione di eventuali versamenti, così come indicato nelle Schede di Sicurezza.

Come immaggazinarli?

Il reagentario deve essere un armadio a ripiani, di sicurezza (armadi aspirati/antincendio) per particolari categorie di prodotti (acidi, basi, sostanze infiammabili e/o tossiche), dotato di porte che ne permettano la chiusura; inoltre deve essere dotato di:

  1. ripiani con bordo esterno rialzato per evitare lo scivolamento dei contenitori e per contenere eventuali perdite o versamenti;
  2. vasca di raccolta almeno alla base della pila di ripiani
  3. indicazione dei pericoli dei prodotti contenuti, mediante apposita segnaletica di sicurezza
  4. particolari caratteristiche di resistenza al fuoco, se trattasi di armadio antincendio.

Su ogni armadio dovrebbe inoltre essere affisso un foglio contenente le seguenti informazioni:

  • elenco dei prodotti contenuti con relative indicazioni di pericolo e data di aggiornamento dell’elenco stesso;
  • riferimenti su dove trovare le relative schede di sicurezza;
  • nome e numero telefonico del responsabile di laboratorio;

All’interno del reagentario, i prodotti dovrebbero essere disposti in modo tale che:

  • i corrosivi, i caustici e gli irritanti si trovino al di sotto del livello degli occhi;
  • nei ripiani inferiori trovino posto i contenitori più grandi e le sostanze più pericolose;
  • i contenitori non siano ammassati uno sopra l’altro e non sovraccarichino troppo il ripiano;
  • i contenitori rechino idonea etichetta con indicazione almeno del nome chimico della sostanza o del preparato, della classe e del simbolo di pericolo;
  • siano rispettate le eventuali indicazioni particolari indicate nella Scheda di Sicurezza (voce Manipolazione e Stoccaggio);
  • siano rispettate le reciproche incompatibilità (vedi schede di sicurezza e tabella allegata);
  • siano separati i solidi dai liquidi;
  • siano al riparo dall’azione diretta dei raggi solari e da altre fonti di calore.

Nel caso siano impiegati scaffali, questi devono essere adeguatamente fissati.

Alcune sostanze necessitano di precauzioni particolari:

  • i liquidi infiammabili devono essere alloggiati in armadi antincendio ad uso esclusivo; quelli che necessitano di basse temperature, devono essere conservati in frigoriferi antideflagranti (AD) nelle loro parti sia interne che esterne, meglio se alimentati tramite interruttore preferenziale separato; all’interno dei locali non devono comunque superare i quantitativi indicati nel CPI (Certificato Prevenzione Incendi) o nel NOP (Nulla Osta Provvisorio) od eventuali deroghe;
  • gli agenti ad elevata tossicità (es. cancerogeni) devono essere riposti separatamente in armadi preferibilmente aspirati e chiusi a chiave;
  • per i prodotti particolarmente reattivi e soggetti a diminuzione della loro stabilità chimica col tempo o al contatto con l’aria (es. perossidi organici, acido perclorico, ecc.) dovrebbe essere indicata sull’etichetta la data di acquisto e quella di apertura.

N.B.: lo stato fisico-chimico dei prodotti immagazzinati e l’integrità dei contenitori non sono immutabili nel tempo.
Dovrebbero essere istituite procedure di verifica periodica (almeno una volta l’anno) dei prodotti chimici immagazzinati: quelli non identificabili, deteriorati o molto vecchi dovrebbero essere eliminati.

Cosa dovete evitare?

  • immagazzinare i prodotti chimici sul pavimento, sui banchi di lavoro, sotto cappa
  • effettuare operazioni di travaso nello stesso locale di deposito o all’interno del laboratorio

BIBLIOGRAFIA
Parodi E
., Progettazione e realizzazione di laboratori chimici; Pirola Editore, 1990


INCOMPATIBILITÀ DI ALCUNE SOSTANZE

Prodotto Immagazzinare separatamente da:
   
Acetilene Cloro, bromo, rame, fluoro, argento, mercurio
Acetone Acido nitrico, acido solforico, perossido di idrogeno, cloroformio, bromoformio, metalli alcalini
Acidi forti Basi forti
Acido acetico Acido cromico, acido nitrico, acido perclorico, perossidi, permanganati, glicole etilenico
Acido cianidrico Acido nitrico, alcali
Acido cromico Acido acetico, canfora, naftalina, glicerina, trementina, alcool, liquidi infiammabili
Acido fluoridrico Ammoniaca
Acido nitrico concentrato Acetone, anilina, acido acetico, acido cromico, acido cianidrico, idrogeno solforato, liquidi e gas infiammabili
Acido ossalico Argento, mercurio
Acido perclorico Anidride acetica, bismuto e sue leghe, sostanze organiche combustibili
Acido solforico Clorati, perclorati, permanganati di metalli alcalini
Ammoniaca (anidra) Mercurio, cloro, ipoclorito di calcio, iodio, bromo, acido fluoridrico
Ammonio nitrato Acidi, polveri metalliche, liquidi infiammabili, clorati, nitriti, zolfo, sostanze organiche combustibili finemente suddivise
Anilina Acido nitrico, perossido di idrogeno
Argento Acetilene, acido ossalico, composti ammoniacali, acido tartarico, acido fulminico
Bromo, cloro Acetilene, ammoniaca, butadiene, butano, metano, propano (e altri gas di petrolio), idrogeno, carburo di sodio, trementina, benzene, metalli finemente suddivisi
Calcio ossido Acqua
Carbone attivo Ipoclorito di calcio, tutti gli agenti ossidanti
Clorati e perclorati Sali di ammonio, acidi, polveri metalliche, zolfo, sostanze combustibili finemente suddivise
Cloroformio Acetone, alcali, fluoro, metalli, metanolo
Fluoro Ogni sostanza
Fosforo (bianco) Aria, ossigeno
Idrazina Perossido di idrogeno, acido nitrico, agenti ossidanti
Idrocarburi Fluoro, cloro, bromo, acido cromico, perossidi
Idrogeno solforato Acido nitrico fumante, sostanze ossidanti
Iodio Acetilene, ammoniaca (anidra o acquosa), idrogeno
Liquidi infiammabili Nitrato di ammonio, acidi inorganici, perossido di idrogeno, alogeni, sodio perossido
Mercurio Acetilene, acido fulminico, ammoniaca
Ossigeno Idrogeno, tutte le sostanze combustibili o infiammabili
Perossidi organici Acidi (organici o minerali)
Perossido di idrogeno Rame, cromo, ferro, la maggior parte dei metalli e loro sali, alcool, acetone, anilina, sostanze combustibili o infiammabili
Potassio permanganato Glicerina, glicole etilenico, benzaldeide, acido solforico
Rame Acetilene, perossido di idrogeno
Sodio nitrito Sali di ammonio
Sodio perossido Tutte le sostanze ossidabili (alcoli, acido acetico glaciale, benzaldeide, solfuro di carbonio, ecc.)



Segnala tuttoscaffali.it
Digg!Reddit!Del.icio.us!Google!Live!Technorati!Furl!Yahoo!Ma.gnolia!Aggiungi questa funzionalità di social bookmarking al tuo sito Joomla!
 

Carrello Prodotti

Il carrello è vuoto.

Metodi Pagamento
DA NOI PAGHI SEMPRE DOPO
Effettua l'ordine sul nostro sito. Successivamente riceverai una conferma d'ordine con le istruzioni per procedere con il pagamento. Accettiamo pagamanti con Bonifico Bancario, Paypal e Contrassegno.

Costi di Spedizione

Trasporto

Consegniamo in tutta Italia
Per alcuni tipi di prodotto le spese di spedizione non sono incluse. Dopo aver ricevuto l'ordine, provvederemo ad inviarvi una email di conferma, con i costi della spedizione se non inclusa e le modalità di pagamento.

Le spese di trasporto sono sempre incluseper i prodotti con il logo
* vedi condizioni
 

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti

social_gaesco

Seguici sui canali Social
se vuoi rimanere aggiornato sulle nostre novità,
iniziative, eventi seguici sulle nostre pagine

Facebook : Instagram : Linkedin
Blogger : Google Plus : You Tube


Tuttoscaffali RSS

Paypal